venerdì 19 novembre 2010

Pizzelleeeee ... Pizzelle...cavere!... Signòòò Accattatevelle!!!

Mio figlio come la stragrande maggioranza dei bambini non è un gran mangione... oddio, oggi come oggi non posso lamentarmi: mangia un pò di tutto senza troppi problemi, ma non è che vada pazzo per le verdure o il pesce, e soprattutto non è che lasci i suoi giochi entusiasta quando lo avviso che è pronto in tavola!
Però... ci sono alcune cose per cui va letteralmente pazzo: al sabato sera, quando si va a mangiare la pizza fuori la sua domanda d'obbligo è "mamma, ma le fanno le frittelle???"...
Le frittelle altro non sono che cucchiate di semplice pasta lievitata (di cui una saporita variante è questa con le alghe)... e che a Napoli (ed in Campania) sono note come " 'e Pizzelle"... e a numerosi angoli di strada (e soprattutto al mercato settimanale) si trovano dei mezzi (di solito un'apecar) che sono delle vere e proprie friggitorie ambulanti... dove 'e Pizzelle si gustano "Frienno e magnanno" ... ovvero calde, appena tirate fuori dall'olio bollente e rigorosamente servite nel Cuoppo... un cono di carta paglia!!!
E per la felicità di mio figlio, la scorsa settimana ho deciso di prepararle a casa...
Ingredienti:
250 gr di farina (io ho usato un misto per frittura oppure di solito una 00)
180/190 gr di acqua (dipende dal grado di assorbenza della farina)
6 gr di lievito
1 cucchiaino di zucchero
1 presa di sale
un pizzico di pepe
stemperate il lievito e lo zucchero in poca acqua ed aggiungeteli alla farina: lavorate con una forchetta aggiungendo l'acqua a filo: dovrete ottenere una pastella molto elastica, non liquida ma neppure compatta come una pasta brioche.
Lasciatela riposare per circa 2 ore e poi friggetela a cucchiaiate: non fate porzioni troppo grandi o rischiate di avere pizzelle crude all'interno.
L'olio deve essere abbondante: la pastella affonda e poi riemerge in superficie, rigirandosi su se stessa e dorandosi quindi da ambo i lati.
Spolveratele di sale e gustatele calde e fragranti....
Con queste pizzelle partecipo alla raccolta di Giulia:






14 commenti:

  1. oh che meravigliaaaaaaaaaa!!! io le adoro... mi ricordano tanto la mia nonnina! bravissima!

    RispondiElimina
  2. Non le ho mai mangiate ma sono sicura che mangiate calde calde appena fatte siano un paradiso per i sensi.

    RispondiElimina
  3. e chi non sa resistere a simile bellezza, anche io ne andrei matta.in liguria si chiamo cuculli ma tutto sommato la sostanza è la stessa e sono super golose!anche a me grazie.ciao e buon week

    RispondiElimina
  4. troppo forte!!!e come sono buone calde calde

    RispondiElimina
  5. Che meravigliaa!!!! Le vogliooooo

    RispondiElimina
  6. caaaaspita...ma quanto saranno bbone ste Pizzelle...!!!!..tutte cose goose golose!!..mannaggia!!!Brava Enza!

    RispondiElimina
  7. accciiipicchiaaa che goduria per il palatooo!!! le ho mangiate in un ristorante napoletano a ROMA!!(che giro di posti) nel frattempo che aspettavamo il tavolo ci hanno offerto una di queste meraviglie... ho dovuto anche sfoggiar ela mia faccia da c.... per chiedere il bis :-P troppo buoniii

    RispondiElimina
  8. Buone queste pizzelle! Dall'aspetto e dagli ingredienti sembrerebbero uguali alle "pittule" salentine... Proverò a farle e ti dirò se sono la stessa cosa :-)

    RispondiElimina
  9. Ciao, sfiziose queste pizzelle, qui nel nodr non sono diffuse, ma ci sembrano uno stuzzicante antipasto, soprattutto prima di una bella pizza!
    baci baci

    RispondiElimina
  10. Anche io le faccio ma le chiamo cuspedde... tanto buone e tanto mi ricordano l'infanzia

    un bacio

    RispondiElimina
  11. ....Arrivo....................mai fatte......un bacio stefy

    RispondiElimina
  12. Che golosità!!!
    Enza, grazie mille per aver partecipato!
    Un bacione

    RispondiElimina
  13. Con questa ricetta ho fatto un figurone e poi piacciono molto ai miei bambini.

    Grazie

    RispondiElimina